NEWS

21/09/2012 7.40

ForexTrading

Euro-dollaro: importante la tenuta del supporto posto in area 1,286-1,285

di Gianluca Defendi




Euro-dollaro: importante la tenuta del supporto posto in area 1,286-1,285

Nella seduta di ieri il cambio euro-dollaro ha subito una veloce correzione ed è sceso fino a quota 1,2920. Nonostante la flessione delle ultime giornate la tendenza di breve termine rimane ancora positiva: prima di poter effettuare un nuovo balzo in avanti sarà tuttavia necessaria una fase laterale di riaccumulazione. Importante, sotto questo punto di vista, la tenuta del supporto, sia statico sia dinamico, posizionato in area 1,2860-1,2850. Un eventuale rimbalzo tecnico dovrà invece affrontare un primo ostacolo attorno a 1,30-1,3010 e un secondo a quota 1,3075-1,3080. Al rialzo un chiaro segnale long rialzista arriverà soltanto con il superamento di quota 1,3120.

Dollaro-Yen. Nella seduta di ieri il cambio dollaro-yen si è indebolito ma è rimasto al di sopra di quota 78. La struttura grafica di breve termine rimane quindi contrastata: prima di poter tentare un nuovo allungo è infatti necessaria infatti una fase laterale di riaccumulazione. Da un punto di vista grafico un chiaro segnale long arriverà con il breakout di quota 79,20 e avrà un primo target a 79,50-79,55 e un secondo attorno a 79,80. Pericoloso invece il ritorno sotto quota 78 anche se, da un punto di vista grafico, un nuovo segnale short arriverà soltanto con il cedimento del sostegno situato a 77,50.

Sterlina-dollaro. Nella seduta di ieri il cable ha subito una veloce correzione con le quotazioni che sono scese fino in area 1,6170-1,6165. Nonostante questa discesa la situazione tecnica di breve termine rimane positiva con i principali indicatori direzionali, Macd e Parabolic Sar, che si trovano ancora in posizione long e sostengono l’up-trend nel quale le quotazioni sono inserite. Dopo una breve fase di assestamento, necessaria per scaricare il forte ipercomprato registrato dagli oscillatori più reattivi, è infatti probabile un ulteriore balzo in avanti. Un’ulteriore correzione dovrebbe invece arrestarsi al di sopra del sostegno posizionato in area 1,612-1,61. Difficile per adesso ipotizzare l’inversione ribassista della tendenza in atto.

Euro-Yen. Nella seduta di ieri il cambio euro-yen ha subito una veloce correzione che si è arrestata a quota 101. Nonostante questa discesa la struttura tecnica di breve termine rimane costruttiva: i principali indicatori direzionali, Macd e Parabolic Sar, rimangono infatti in chiara  posizione long mentre gli oscillatori più reattivi, l’Rsi e lo Stocastico a 5 osservazioni, si sono portati all’interno delle rispettive aree di ipercomprato. Dopo una breve fase laterale di riaccumulazione è possibile un ulteriore allungo: un primo segnale di forza arriverà con il ritorno sopra 101,65, con un primo target in area 102-102,05 e un secondo a 102,20. Pericolosa invece una discesa al di sotto di 101 in quanto può innescare un’ulteriore flessione verso 100,50 prima e attorno a quota 100 in un secondo momento. (riproduzione riservata)

Gianluca Defendi




 
 

Vota
0 Voti