NEWS

11/05/2012 18.48

MF-Dow Jones News

Intesa Sanpaolo: 100 filiali aperte di sabato, sindacato non ci sta




MILANO (MF-DJ)--Entro l'estate, 100 filiali 'pilota' di Intesa Sanpaolo
resteranno aperte anche durante il sabato mattina.

Lo ha confermato a MF-Dowjones una fonte vicina al progetto, destinato
ad ampliarsi ulteriormente a 300 filiali entro ottobre, aggiungendo che
"l'orario d'apertura sara' 9h00 - 13h00 e sara' limitato alla sola
attivita'
relazionale". In altre parole, l'operativita' sara' circoscritta "alle sole
consulenze, dal momento che la cassa restera' chiusa", ha precisato la
fonte, ricordando che "gran parte delle operazioni gia' oggi avviene
tramite sportelli bancomat e negli ultimi anni quelle fisiche allo
sportello si sono ridotte del 35%". Un'altra fonte ha poi aggiunto che le
100 filiali sono state selezionate "sia per la loro prossimita' a punti
strategici dal punto di vista del traffico commerciale sia per la
disponibilita' di organici sufficienti" per estendere l'orario.

L'operazione "non avra' alcun impatto sui costi del personale", poiche'
non sono previste nuove assunzioni. Manca tuttavia da superare lo scoglio
dei sindacati, con i quali la Ca' de Sass deve ancora discutere alcuni
aspetti tutt'altro che secondari del progetto, tra cui il recupero di ore
che dovra' essere accordato agli impiegati di turno il sabato.

Un via libera tutt'altro che scontato. "A questo progetto siamo
totalmente contrari sia nelle modalita' sia nelle tempistiche", spiega
infatti Mauro Bossola, Segretario Generale Aggiunto del Fabi con delega
per Intesa Sanpaolo. "Viene venduto come un Piano che dovrebbe servire a
migliorare le condizioni della clientela - fattore di cui certamente
saremmo contenti - ma non e' per niente cosi'", prosegue il sindacalista. A
partire dal prossimo incontro con Intesa Sanpaolo che e' previsto per
mercoledi' 16 maggio, il Fabi (che all'interno della Ca' de Sass e' il
sindacato piu' rappresentato, ndr) e' pronto a dare battaglia. "Siamo
perplessi dalla fretta della banca per far partire la sperimentazione",
prosegue infatti Bossola. "Che senso ha iniziare la sperimentazione
all'inizio dell'estate, quando gli organici nelle filiali tendono per
ovvie ragioni a ridursi?" si chiede il sindacalista. "Chiederemo
innanzitutto di spostare l'esperimento a partire dal prossimo autunno".

Perplessita' permangono anche sulle indicazioni che l'istituto di credito
guidato da Enrico Cucchiani ha fin qui fornito sulle ore di recupero che
spetteranno ai dipendenti di turno il sabato. "La banca pretende che si
stia a casa la mattina del lunedi', per poi prendere servizio di pomeriggio
per due ore. Non ha senso", attacca ancora Bossola, che si ripromette di
discutere questo aspetto nelle prossime settimane. "Si potrebbe pensare a
ridurre la pausa pranzo recuperando cosi' durante la settimana quelle dure
ore", prova a suggerire il sindacalista.

Secondo quanto rivela la fonte, allo studio ci sarebbe anche "il
prolungamento dell'orario serale per alcuni sportelli del gruppo", test
peraltro gia' effettuato dalle otto filiali Superflash, tra cui quella di
Palermo che ha aperto i battenti a inizio settimana. Analoghe iniziative
'spot' sarebbero state avviate negli ultimi mesi sia a Roma sia a Torino.

"Si tratta di un progetto da seguire con interesse. Anche noi ci abbiamo
pensato in passato e in qualche caso specifico abbiamo aperto di sabato",
ha commentato con MF-Dowjones l'a.d. di Unicredit, Federico Ghizzoni.
Sembra tuttavia che l'istituto di credito di Piazza Cordusio sia ritornato
in tempi molto brevi suoi suoi passi, poiche' non riscontrava un'affluenza
sufficiente per sostenere economicamente un'apertura straordinaria degli
sportelli. Nonostante tutto, pero', Unicredit monitora attentamente la
situazione. "Sono innovazioni che vanno nella direzione delle
liberalizzazioni, quindi devono essere seguite certamente con interesse",
ha aggiunto infatti Ghizzoni. "Mi congratulo con Intesa Sanpaolo che ha
avuto quest'idea".

ofb
oscar.bodini@mfdowjones.it
(fine)

MF-DJ NEWS




Vota
0 Voti