Milano Finanza
Martedì 16 Settembre 2014 - Ore 13:24



Lo Zew cala meno delle attese, ma il Ftse Mib resta debole

L'indice sulla fiducia in Germania relativo al mese di settembre è sceso a 6,9 punti, ma la prudenza resta protagonista a Piazza Affari in attesa degli importanti appuntamenti di domani e giovedì. Ad appesantire il listino sono soprattutto i titoli bancari, che scambiano tutti sotto la pari. Spread Btp/Bund stabile a 148 pb16/09/2014

Ubs, un +10% del dollaro equivale a un +6% per gli utili europei

Un dollaro forte è quello che ci vuole per dare una mano all'economia europea a ripartire. Uno studio di Ubs ha calcolato che in caso di svalutazione dell'euro del 10%, le vendite delle imprese europee quotate possono salire del 5% e i loro utili del 6% 16/09/2014


Vai alla diretta di Class CNBC

Buzzi fa shopping in Russia per 104 mln

Il gruppo piemontese ha sottoscritto nella notte, attraverso la controllata Dyckerhoff, un accordo per acquisire da Lafarge il 100% del capitale di Uralcement. Per gli esperti l'acquisizione è positiva. Kepler ha stimato da Uralcement oltre 20 mln di ebitda e un enterprise value/ebitda di 6 volte post sinergie 16/09/2014
Jazztel vola (+6%) dopo l'opa amichevole di Orange
Il gruppo francese ha presentato un'offerta in contanti da 13 euro per azione per il 100% dell'operatore spagnolo che il presidente Leopoldo Fernandez Pujals, titolare del 14,48%, ha già accettato. L'operazione ha un valore complessivo di 3,4 miliardi, il 34% in più rispetto alla capitalizzazione di mercato della società iberica 16/09/2014
I social network? Nel risparmio i giovani non si fidano
Da una nuova ricerca condotta da Bny Mellon e dall’Università di Oxford emerge che Facebook e Twitter non sono considerati come un canale efficace per instaurare relazioni dirette: meno dell’1% del campione vorrebbe essere contattato dalle società di servizi finanziari attraverso i social media. 16/09/2014
Cina, warning di S&P sulla stabilità finanziaria
Secondo Paul Gruenwald, capo economista di Standar & Poor's, l'uso rigido da parte della Cina dei target sulla crescita del Pil, unito agli incentivi che incoraggiano una sovraperformance dell'economia, hanno portato a un indebolimento potenzialmente pericoloso della stabilità finanziaria del Paese asiatico. 16/09/2014
Azimut, Equita taglia il rating a hold
Equita Sim ha ridotto il rating di Azimut da buy a hold con target price a 22,7 euro. Il down grade si deve al limitato upside del titolo dopo l'ultimo rally e in attesa della presentazione del nuovo piano in agenda per il 6 novembre. 16/09/2014


Altre News

Classifiche

VAI ALLA SEZIONE 

Dal giornale di oggi

VAI ALLA SEZIONE 

Entra in My Tech

VAI ALLA SEZIONE 



Torna in Alto